El giasso

 

POESIA DIALETTALE VENETA

 

 

Questa poesia,canta le lodi e le virtù di quello che possiamo definire l'attributo maschile. Solo che per decenza non lo chiamerò con il suo vero nome proprio:Ma lo chiamerò GIASSO! (''GHIACCIO'')

 

 

Ze ora e ze tempo de romper el giasso,e dir na paroea sincera sul GIASSO! 

Sto bel sioreto,modesto e fecondo,el ze ea creautura più viva del mondo.

Eppur nel concetto de tutta ea gente, el GIASSO purtroppo ze tanto e ze gnente.

Tra l'altro io dopera per dir na roba che val na monada! Ea se scansa noiosa,e quando che l'omo ze stupido e strasso,de colpo io ciama

testa de GIASSO.

Par mi,sto giudisio baeordo,el ze ingiusto!E solo a pensarghe me seco

e me insusto! EL GIASSO, siori: meteveo in testa,el ze un dritto!! el ze

furbo,el ze sempre de festa!! Se tutte e parti del corpo lavora, iù no fà

proprio un GIASSO!! Iù vive alla siora,i brassi sfadiga,ea suca ragiona,

ea boca discore,e gambe fetona,e di denti smartea, sbatocia el cuor e

iu dise: Se ciava! mi fasso l'amor! Ciameo pur oco, deghe del fesso

che iù se ne sbate che iù ghe fà eo stesso.

El dorme beato nel so bel boscheto.

Ma dopo un pò el se desmisia dal caldo del letto,e quà el se trasforma,

el ze pronto e sicuro.El se leva,el se indurisse,el ze forte,el ze duro!

El ze ardito,curioso,ea testa ghe pesa,ea vien bea rossa che par na sariesa! El parte gaiardo,el ze un fogo che tira! El ze come un stantuffo che va a tutta bira, el assa ea linfa,el so souvenir.

Rivai a stò punto,chi ze quel pagiasso,quel fesso che dise testa de GIASSO!

Bisogna pur dirlo,el ze quasi perfetto,el gà tanti pregi e gnanca un difetto.

El ze sempre de moda,nol dise bugie,nol pensa,e no el dise poesie.

Iù qunto ea poitica,no ze gnente da far,che iù no el ze nato par farse

ciàvar!! E tanti partiti,de veci,e de novi, i par fatti a posta par romperghe

i vovi!!!

Par dirghe, ea so fama resta sto fatto quà.

Vardè quanti nomi che l'omo che dà.

Soltanto a venezia,par queo che sò mi, el GIASSO! PIù spesso io ciama cussì: El siegolo - el fungo - el cicio - ea broca - el tubo - ea renga - ea stanga - el cuco - l'osel - el manego - el penel - el merlo -

el bigolo - elbici - ea canna - ea fava - ea tega - el bel pistoin -el batocio

el sparaso - el soca -el bisato.

Ma asemo da parte ea cronaca pura,par dir e robe più bee no dura.

Infatti, passata l'età dell'amor,ze ora che el GIASSO! diventa un sior.

Un sior stagionà, ma ancora ben messo,che fassa de gusto e che el sfrutta el successo.

Se el cambia de piatto,el fà economia,el gà manco sfogo,ma più fantasia.

El ciacoea,el dize che el fà tutto iù,ma dopo na steca no el ghea fa più.

Cussì pianpianeto vegnendo vecioto,col tempo el se buta piuttosto malato. Talvolta el se incrica,qualcossa no và,el vol star dritto mo no el

ghea fà.

Succede ogni tanto,che el gà na impenada,el parte deciso,ma el resta par strada.

L'insiste,el se aiuta co qualche truccheto,ma gia el perde colpi el ze

sempre più chieto, el và a consoearse co i veci ricordi, che i ze sempre più slisi e sempre più sordi.

Ti credi che el pianza,le lacrime spande, ma ea ze na pissada sbrissada sue mudande.

Ormai el se a gode, el ze un toco de GIASSO! E qua bisogna proprio

dirlo: che nol val proprio un GIASSO!!!!!!!!!!!!!!!!!!